I MIEI LETTORI

domenica 16 novembre 2014

TRA PANTOFOLE E DOLCI SAPORI

Domenica pomeriggio. Tempo un po' uggioso: anche se il sole ogni tanto prova a far capolino. E dire che stamattina c'era un sole caldo caldo.

A dirla tutta mi sono stancata di questa primavera fuori tempo: ho voglia di un po' di fresco... di quei bei cieli azzurri , sferzati dalla tramontana, e della magia del ritrovarsi in casa, avvolti nei pigiamoni , con una tazza di cioccolata calda tra le mani...

Sarà per questo che mi sono messa a "sfornare" pantofoline di ogni tipo !?






Non sono carinissime con tutti questi bei colori?


Ne ho fatto un paio anche per il maritino.







e uno tutto per me....





Le ho realizzate partendo dai tutorial di Oana Oros, come già avevo fatto lo scorso anno, ma poi le ho personalizzate secondo i miei gusti .








Ho anche risolto il problema  delle taglie.... Ho acquistato una di quelle suolette che si mettono nelle scarpe e che si ritagliano alla misura desiderata . Così ho tutte le taglie di cui ho bisogno . Nel realizzare la suola , a seconda della misura che voglio ottenere , poggio il lavoro sulla mia suoletta , e decido come procedere.




Sul web ho anche trovato una sorta di formula matematica utile per trovare la misura delle ciabattine , ma anche di calze e simili.  Potete leggere come fare qui. L'ho provata e funziona davvero!

Trovo le pantofoline all'uncinetto troppo carine. Ottime come regalino per Natale e , voglio farne tante tante , tutte diverse , perché mi sto decisamente divertendo tanto.


Oggi , però, voglio anche condividere con voi una cosina dolce dolce.

Adoro le crostate , così ogni tanto provo farciture diverse.

Tempo fa ve ne ho proposta una farcita con una crema di ricotta e marmellata di pere .

Ieri però ho provato una nuova versione molto golosa: esperimento riuscitissimo.

Eccovi la ricetta della mia

 CROSTATA DI RICOTTA AL PROFUMO DI ARANCIO CON GOCCE DI CIOCCOLATO E  MARMELLATA DI ARANCIA AMARA.



Ingredienti:



Per la frolla:

400 gr di farina
1 cucchiaino di lievito
200 gr di zucchero
200 gr di burro
la buccia grattugiata di un limone
1 bicchierino di marsala
1 pizzico di sale
2 uova intere
2 tuorli

Per la farcitura:

400 gr di ricotta di pecora
1/2 bustina di zucchero a velo vanigliato
la buccia grattugiata di un'arancia
120 /150 gr di gocce di cioccolato fondente
350 gr di marmellata di arance amare


Preparate la frolla seguendo le istruzioni riportate qui

Per la farcitura procedete invece in questo modo:

mettete in una ciotola la ricotta, la 1/2 bustina di zucchero a velo e la buccia grattugiata dell'arancia.

Mescolate bene , finchè il composto non è bello liscio.Unite ora le gocce di cioccolato che , prima, avrete passato nella farina. Questo passaggio serve a far si che le gocce non precipitino tutte sul fondo del dolce ma restino , invece , all'interno, bene amalgamate con il resto della crema.

Stendete la frolla e foderate il suolo che precedentemente avrete imburrato ed infarinato. Vi consiglio di preparare la frolla il giorno prima: più riposa e migliore è il risultato finale.

Sul fondo della crostata fate un primo strato con la marmellata di arance. Versate quindi la crema di ricotta e chiudete il tutto con delle striscioline di pasta.

Infornate a 180° in forno ventilato per circa 30 - 35 minuti o , comunque, finché la crostata sia bella dorata e , scuotendola , il ripieno risulti piuttosto fermo.

Sfornatela, fatela raffreddare e poi cospargetela con lo zucchero a velo. Conservatela in frigo e tiratela fuori almeno una mezz'ora prima di gustarla.

E' davvero molto buona !!Vi consiglio di provarla!

E poi non c'è niente di più bello ed evocativo del profumo di dolce che si diffonde per tutta casa....

Non siete d'accordo?

Un bacione a tutti.

Clelia








9 commenti:

  1. Brava sei positiva, allegra e generosa fortunato chi ti vive accanto
    che Dio ti conservi a lungo .Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Angela grazie di cuore! Credimi non sono una persona facilissima da sopportare ! :-) ma certo mi sforzo di trovare il modo di sorridere quanto più possibile e, a dirla tutta , fortunata sono io con mio marito : un santo! :-)

      Elimina
  2. che post fantastico, Clelia!!!
    le ciabattine sono adorabili e la crostata... che te lo dico a fare... golosissima!!!
    un bacione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla la crostata devi provarla ! e' davvero troppo troppo buona: sembrava di mangiare una "fiesta" : a me da piccola piaceva tanto questa merendina!
      Grazie davvero, sei sempre molto molto carina1

      Elimina
  3. ciao Clelia ne mangerei volentieri una fetta della crostata!!!
    Le ciabattine mettono tantissimo buon umore!!!
    Un bacione ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu! ma si viva il colore e viva i dolci! La vita è già troppo grigia di suo! Un bacione a te ! Grande grande! :-)

      Elimina
  4. Ma sono bellissime queste pantofole Clelia!
    E quanta fantasia! Sai che non sapevo ci fosse una formula per poter calcolare la grandezza? Ma c'è sempre da imparare!
    E la crostata? Me ne tieni una fetta? Sei proprio tutta da scoprire!!!!
    AL più presto il post sul tuo splendido regalo!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Cara Maria. grazie! Per tutto! Peccato che la torta non possa spedirtela! Ma chissà , magari una volta potrei riuscire a fartela assaggiare... :-)
      La fornula per la misura delle pantofoline è stata una vera scoperta anche per me e , ti dirò di più, proprio ieri , in un video su you tube in spagnolo ,ho imparato anche un nuovo modo.
      Poi vi dirò come si fa.

      A presto mia cara

      Clelia

      Elimina

Se vi va lasciate un segno del vostro passaggio: sarò felice di conoscere la vostra opinione.