I MIEI LETTORI

mercoledì 7 dicembre 2016

L' Attesa



L'Attesa

"Mamma cos'è il calendario dell'Avvento?" chiese curiosa la bambina.

"E' il calendario dell' Attesa! " rispose la mamma

La bambina rimase pensierosa a guardare la casellina con il numero 7 scritto in oro che attendeva di essere aperta.

La casellina in realtà era la finestrella  di una bella casa .Una di quelle in stile nordico , con tanti addobbi natalizi ovunque , seduta su un  soffice tappeto di neve , sotto  un cielo stellato.

La bambina nei giorni precedenti aveva già scoperto l'ingresso di quella casa, il comignolo, dal quale immaginava sarebbe sceso Babbo Natale, ed altre finestre sparse ovunque sulla facciata.

Dietro ognuna di quelle caselle c'erano scampoli della vita quotidiana della famigliola che viveva nella bella casa di cartone.

" Cosa si attende mamma ? " chiese ancora la bambina , mentre si accingeva ad aprire la finestrella numero 7.

La mamma sospirò con lo sguardo malinconico perso fuori della finestra : la strada era piena di luci e persone , di automobili e di visi stanchi...

" La serenità " rispose , senza neppure voltarsi.

La bambina ,sempre più pensierosa ,si avvicinò alla mamma e l'abbracciò stringendola forte : non le arrivava neppure al bacino e strinse , più forte che poté , le sue gambe  contro il suo petto .

La mamma commossa le accarezzò i morbidi capelli castani chinandosi per darle un bacio .

Allora la bimba si staccò dalla mamma sorridendo e corse ad aprire la finestrella numero  7.

Sotto la casellina apparve la mamma della famiglia che abitava la casa di cartone : era seduta e teneva una mano sul grembo gonfio . Vicino a lei , sorridenti , c'erano il papà ed un bambino con gli occhi azzurri e le guance rosse rosse . 

La bimba prese il dolcetto nascosto sotto la finestrella e lo scartò offrendolo alla mamma.

" Questo è per te ...sono sicura che la serenità arriverà mamma, questa volta arriverà! "  quindi posò la manina sul ventre della mamma.

La  mamma la guardò con  occhi che piangevano lacrime felici : ora lo sapeva anche lei . Lo aveva sentito. La serenità sarebbe arrivata finalmente!. 


Con questo  breve racconto partecipo , per la prima volta , alla splendida iniziativa di Sciarada del blog Anima Mundi  : un blog poetico e interessantissimo con una padrona di casa davvero molto speciale.

La sua bella iniziativa è giunta già alla III edizione e sono davvero molto felice di averne fatto parte anche io quest'anno.

Prima di salutarvi passo il testimone ad Elettra , alla quale spetterà dunque aprire la casellina n. 8 di questo calendario dell'avvento virtuale.

L'8 dicembre del 2000 nasceva la dolcissima Minnie che mi ha lasciata lo scorso luglio.... dopo quasi sedici anni di splendida vita insieme. 

A lei dedico questo post . A lei che è stata per tanti anni il mio motivo di serenità e che sarà per sempre nel mio cuore. Ti voglio tanto bene piccola mia. Un felice Natale a te che da lassù continui a tenermi compagnia.


  

Un caro saluto a tutti voi . 

A presto 

Clelia

28 commenti:

  1. Ciao Clelia, mi ha commosso davvero tanto il tuo racconto.
    Che la serenità possa ritornare ad abitare in tutte quelle famiglie in cui non c'è.
    Un grande abbraccio !

    RispondiElimina
  2. Grazie di cuore per quello che dici del mio blog e di me.
    Un buon Natale a Minnie anche da parte mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Sciarada: il tuo blog , grazie a Patricia, è stato per me una bellissima scoperta. E poter partecipare alla tua iniziativa mi ha davvero fatto piacere.
      Un abbraccio e buon giorno dell'Immacolata

      Elimina
  3. Tenerissimo post.
    Grazie Clelia e buon Avvento!

    RispondiElimina
  4. Bello il tuo racconto, un'attesa malinconica della serenità. La serenità è quello che ho sempre atteso io, quindi mi sono immedesimata, e fuori dalla finestra in quel modo ci guardo ancora oggi :)
    Bella anche l'iniziativa, soprattutto per l'assenza di quelle regole assurde che spesso regolano le iniziative di cosiddetta condivisione. E poi mi piacciono i racconti di natale, quasi quasi la tengo d'occhio. Per ora mi limito a fare i complimenti a te Clelia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colpito nel segno : è quello che è piaciuto tantissimo anche a me il fatto che fosse un'iniziativa che lasciasse liberi di interpretare ed intervenire. E poi il periodo dell'Avvento è secondo me il periodo più bello di questi giorni di festa .
      Anche io sono sempre in attesa della serenità e con il naso appiccicato alla finestra ci vivo da quando ero bambina :-)
      Un forte abbraccio Elle

      Elimina
  5. L'attesa porta sempre qualcosa. Bisogna saper sognare ed attendere sempre qualcosa.
    Grazie del tuo bel racconto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Johakim! sognare consapevolmente in attesa di quello che può renderci sereni...
      Grazie a te !
      Sereno giorno dell' Immacolata

      Elimina
  6. Incantata.... Grazie. Buona Attesa e lieta di conoscerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie , Serena Attesa anche a te !
      Il piacere è mio: adoro queste iniziative anche per il prezioso carico che si portano dietro . Tante nuove menti da scoprire , tanti nuovi amici...

      Elimina
    2. Grazie di nuovo... Buona Festa dell'Immacolata

      Elimina
  7. Grande dono la felicità!

    Bel racconto, Cleila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dono più bello! e il più difficile da trovare ...

      Grazie Gianna

      Elimina
  8. E' bella forte la famiglia del racconto, ognuno di loro si prende cura delle emozioni dell'altro nell'amore!!!
    Grazie per il passaggio del testimone e buon Avvento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Elettra, e tanti auguri a te perché la serenità sia sempre al tuo fianco!

      Elimina
  9. Molto commovente il tuo post Clelia!!! grazie :)

    RispondiElimina
  10. Bellissimo racconto Clelia, bravissima come sempre! La serenità la aspettiamo e la desideriamo tutti e te ne auguro tanta! Bacioni
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sy, non si smette mai di attendere la serenità: i nostri cuori non ne sono mai sazi...
      Tanti tanti auguri anche a te per una vita che ne sia piena.
      Un abbraccio forte
      Clelia

      Elimina
  11. Un racconto molto bello, scritto con tenerezza e commozione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ... sono solo pensieri in libertà scritti di getto ascoltando il cuore ...

      Elimina
  12. Bello conoscerti,Clelia,la coinvolgente iniziativa di Sciarada rende possibili questi piacevoli incontri.Un post bello anche se con una nota di malinconia.Una serena attesa per il meglio che desideri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicchina e felice di conoscerti. Ringrazio Sciarada e chi come lei ha queste stupende idee : sono iniziative che arricchiscono e che appunto riescono a fare incontrare . E io le adoro ! E hai ragione.. la malinconia è una nota forte ... difficile nasconderla .
      Un felice periodo dell' Avvento a te ...

      Elimina
  13. Bellissimo questo albero e anche se in ritardo tanti auguri a Minnie, sono sicura che ti pensa sempre anche se da lassù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne sono sicura anche io cara Audrey... e certo lei non andrà mai via dai nostri cuori....
      un abbraccio

      Elimina
  14. Un racconto davvero bello e toccante...la serenità è, davvero , l'unico regalo a cui dovremmo veramente aspirare.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella... mi trovi pienamente d'accordo .. ma spesso è più facile lasciarci incantare da traguardi apparentemente più raggiungibili...

      Elimina